Selvaggio Blu

790,00 

Selvaggio Blu

La cima di Tavolara, uno scenario incomparabile sulla costa della Gallura

Il Selvaggio Blu è il trekking più difficile e affascinante della Sardegna. Il percorso si snoda sulla linea di cresta delle scogliere del Supramonte, mantenendosi il più vicino possibile al mare, attraverso profondi canyon, fitte foreste di lecci e ginepri e passaggi esposti su falesie vertiginose.

Partendo dal centro abitato di Santa Maria Navarrese, il sentiero sfrutta le antiche mulattiere dei carbonai per lasciarsi alle spalle le ultime tracce di civiltà e raggiungere la vetta di Punta Giradili. Da questo punto il panorama prende un aspetto realmente selvaggio, scrutando da 700m d’altitudine gli immensi panorami e le lontane coste dei golfi di Orosei e Arbatax.

Da Punta Giradili verso nord il Selvaggio Blu diventa veramente selvaggio. Gli stretti sentieri passano su tracciati labirintini che si interrompono bruscamente sui cigli di dirupi o su scogliere inaccessibili. Solo guide ed escursionisti esperti conoscono i passaggi segreti del Selvaggio Blu, arrampicandosi su invisibili passaggi costruiti dai pastori o calandosi in corda all’interno di boschi pensili e profonde gole.

Il Selvaggio Blu non è un normale trekking ma una vera esperienza montana. Il percorso include discese in corda doppia, qualche semplice arrampicata e passaggi in via ferrata. Non è possibilmente percorribile se non guidati da una guida esperta e con una preparazione logistica di supporto.

Ogni mattina il team di 40 Gradi Nord prepara le colazioni e consegna a ogni partecipante acqua e pranzo al sacco. Dopo aver consegnato tende e sacchi a pelo il gruppo segue la nostra guida lungo l’itinerario che li porterà a sera presso il campo successivo, dove il team di 40 Gradi Nord avrà portato tende e sacchi a pelo e allestito aperitivi e cena.

Percorrere il Selvaggio Blu è un'avventura che lascia il segno nell'animo di chiunque la percorra. 6 giorni immersi tra roccia, mare e boschi, sulle cime delle scogliere o lungo gli stretti canyon del Supramonte. La Sardegna e la natura indisturbata si rivelano nel loro splendore e crudeltà. Sei giorni di splendore e cinque notti sotto le stelle per un'avventura senza eguali.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Selvaggio Blu”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dislivello+

Durata totale

%

impegno fisico

Tour guidato del Selvaggio Blu in Sardegna

CALENDARIO 2022

Aprile 16-23 Selvaggio Blu originale + Bacu Padente

Aprile 23-30 Selvaggio Blu originale + Bacu Padente

Aprile 30 – maggio 7 Selvaggio Blu SOFT

Maggio 7-13 Selvaggio Blu originale

Maggio 14-21 Selvaggio Blu originale + relax Cala Goloritzè

Maggio 21-28 Selvaggio Blu originale + Bacu Padente

Giugno 11-18 Selvaggio Blu originale + relax Cala Goloritzè

Giugno 18-25 Selvaggio Blu originale + relax Cala Goloritzè

790,00 

Incontro e durata

  • Luogo di incontro: Cooperativa Goloritzè
  • Orario d’incontro: entro le ore 18:00 del Sabato
  • Rientro al punto di incontro: 18:30 circa del Giovedì

DETTAGLI

  • Lunghezza: < 50 km
  • Durata totale: 5 giorni
  • Difficoltà: alta

DOMANDE FREQUENTI

nascosto

Dove devo recarmi ?

Il punto di incontro è il Rifugio della Cooperativa Goloritzè a Baunei.

Ci troveremo lì il giorno prima della partenza. Il giorno successivo, dopo colazione, un transfer in fuoristrada ci accompagnerà a Pedra Longa, dove inizieremo il nostro cammino. 

Programma giornaliero del Selvaggio Blu

1° Giorno

Inizio: Pedra Longa
Fine: Monte Ginnirco
Distanza: 8 km
Tempo: 6 ore
Dislivello + : 870 m
Dislivello – :  180 m
Calate in corda: nessuna
Arrampicata: nessuna


2° Giorno

Inizio: Monte Ginnirco
Fine: Portu Pedrosu / Portu Cuau
Distanza: 8,5 km
Tempo: 7 ore
Dislivello + : 280 m
Dislivello – : 1020 m
Calate in corda: nessuna
Arrampicata: un passaggio su scala di legno


3° Giorno

Inizio: Portu Petrosu
Fine: S’Arcu ‘e su Tasaru
Distanza: 11 km
Tempo: 8 ore
Dislivello + : 1200 m
Dislivello – : 780 m
Calate in corda: nessuna
Arrampicata: 30 metri su via ferrata


4° Giorno

Inizio: S’Arcu ‘e su Tasaru
Fine: Bacu Padente
Distanza: 7 km
Tempo: 8 ore
Dislivello + : 770 m
Dislivello – : 970 m
Calate in corda: 4 (max 20 m)
Arrampicata: Brevi tratti facili


5° Giorno

Inizio: Bacu Padente
Fine: Cala Sisine
Distanza: 8 km
Tempo: 6 ore
Dislivello +: 620 m
Dislivello – : 860 m
Calate in corda: 4 (max 40 m)
Arrampicata: long & severe


6° Giorno (Opzione Bacu Padente)

Inizio: Bacu Padente
Fine: Grotta del fico
Distanza: 2 km
Tempo: 6 Hours
Dislivello +: 50 m
Dislivello – : 300 m
Calate in corda: 4 (max 30 m)
Arrampicata: nessuna

Ci sono variazioni al programma in caso di maltempo?

Dipende dall’entità della perturbazione.

Se si tratta di una pioggia leggera il cammino prosegue. Indosseremo le giacche scaccia-acqua o troveremo riparo dentro una grotta. 

In caso di tempo inclemente e temporali per tutta la giornata dovremo cancellare la tappa. In caso di necessità è possibile anche un ritiro d’emergenza al rifugio e aspettare condizioni migliori.

Se la pioggia ci impedisce ci montare le tende e preparare il campo per la cena dovremo tornare al Rifugio e cenare al riparo della sala del ristorante. 

In caso di stanchezza posso ritirarmi?

Si, ma è necessario terminare la giornata.

È possibile tornare al rifugio scortati da chi ci porta la colazione al mattino. 

Non ho mai fatto una calata in corda, devo imparare?

No, non è fondamentale sapersi calare in corda.

Le nostre guide si occupano di tutta la parte tecnica, vi insegneranno a calarvi oppure si prenderanno interamente cura di calare i partecipanti

Devo saper arrampicare?

Lungo il percorso ci sono dei brevi tratti di arrampicata, ma non è necessario essere degli arrampicatori, basta avere un po’ di equilibrio e sapersi muovere.

la distanza percorsa ogni giorno è molto breve, possiamo unire dei giorni?

NO! Nonostante si cammini una media di 8km al giorno, i sentieri del Selvaggio Blu sono talmente impegnativi che non è possibile camminare più di così (a meno che non siate degli atleti)

Dove si dorme lungo il Selvaggio Blu?

Dormiremo tutte le notti in tenda. 

La prima sera (sabato) la passeremo nell’area attrezzata della Cooperativa Goloritzè. 

Da domenica a mercoledì (4 notti) dormiremo in tenda nei campi preparati lungo il sentiero. 

Le ultime due notti (giovedì e venerdì) dormiremo nuovamente nell’area attrezzata della Cooperativa Goloritzè. 

Avremo un briefing prima della partenza del Selvaggio Blu?

Certo.

Prima di iniziare la cena la sera prima della partenza, la vostra guida vi darà il benvenuto, rispondendo a tutte le domande inerenti il cammino.

Cosa devo avere per il Selvaggio Blu?

Tutti questi articoli sono fondamentali

  • Zaino per il cammino: max 40 litri
  • Scarpe o scarponi da trekking con suola rigida
  • Borraccia o CamelBack (almeno 2 litri)
  • Borsone per trasportare tenda, sacco a pelo e indumenti di ricambio: max 50 litri.
  • Tenda
  • Sacco a pelo: 3 stagioni
  • Materassino gonfiabile
  • Indumenti adatti per cinque giorni di cammino
  • Indumenti caldi per la sera e la notte
  • Giacca a vento e giacca scaccia-acqua
  • Asciugamano, sapone ecologico e altri articoli per l’igiene personale.
  • Piatto e tazza da campeggio
  • Coltello, forchetta e cucchiaio
  • Pila frontale e batterie di ricambio
  • Crema solare, cappellino e occhiali da sole
  • Medicazioni personali
  • Imbrago e casco
  • Discensore e 2 moschettoni
  • Kit da ferrata